12. apr, 2017

Il valore della narrazione tra genitori e figli

Perché è importante raccontare storie ai nostri bambini?

Perché quello è il vero momento dove i nostri piccoli ci impongono di essere presenti, di essere lì insieme a loro in un momento della giornata, che molto spesso coincide con la sera, con l’imbrunire, con il vivere un’atmosfera più intima crepuscolare. Il buio è anche la rappresentazione metaforica della non conoscenza, del non sapere cosa accade oltre questa coltre scura: tutto sarà come prima al nostro risveglio? Potremmo sempre contare sull’aiuto delle persone a noi più care? E il risveglio è inteso anche esso in modo metaforico, non solo fisico, come il momento della consapevolezza. Cosa accade quando sarò grande? Quando avrò imparato a leggere e a scrivere? La mamma e il papà staranno accanto a me la notte prima di addormentarmi?

Queste sono le domande che i bambini si pongono e spesso la paura di crescere, racchiude in sé anche la paura che le cose, ma soprattutto le relazioni si trasformino in un modo tale da temere la solitudine.

La voce della mamma o del papà durante il passaggio dalla notte al giorno, rassicura, calma, pacifica l’animo del bambino che molto spesso chiede la stessa storia raccontata nel medesimo modo….appunto niente deve cambiare anche se tutto cambia.

La narrazione in famiglia non solo deve essere lettura di storie, ma anche lettura, intesa come visione raccontata della storia famigliare: quando il babbo e la mamma si sono incontrati e si sono innamorati, quando è nato il bambino, la storia dei nonni. Se poi il tutto è accompagnato dallo sfogliare un album fotografico aiuta il piccolo a comprendere che è parte fondamentale di una famiglia che ha radici molto lontane quando il mondo era molto diverso da quello di oggi, ma, seppure tanto cambiato, le relazioni importanti sono rimaste intatte e nel caso di separazioni, divorzi o lutti il filo rosso che lega ogni membro della famiglia resta comunque inalterato. Un filo fatto appunto di ricordi, emozioni, stati d’animo, passaggi, trasformazioni, crescita.